Per iniziativa del Dipartimento mobilità ed in accordo con RFI, nel Comune di San Candido, sono stati progettati lo spostamento della stazione ferroviaria verso il centro del paese e la creazione di un moderno centro mobilità.

Dice l’assessore Florian Mussner: “Il centro intermodale che verrà creato a San Candido consentirà un cambio rapido ed agevole tra diversi mezzi di trasporto e soprattutto il cambio tra mezzi pubblici, come il bus ed il treno, e mezzi privati come l’auto e la bicicletta. Quest’opportunità consente di incentivare una mobilità flessibile e sostenibile”.

Ieri la Giunta provinciale ha approvato la delibera nella quale sono definite le caratteristiche tecniche dell’opera e l’importo di spesa presunta, che secondo lo studio di fattibilità tecnica elaborato da STA ammonta a circa 21,8 milioni di euro.

Il progetto prevede lo spostamento della stazione ferroviaria di San Candido di circa mezzo chilometro verso il centro del paese, in modo tale da collegare la stazione alla zona pedonale. La nuova struttura sarà dotata di cinque binari, due dei quali saranno binari principali, due di passaggio ed un binario morto. Sono previste due nuove banchine lunghe oltre 350 metri che saranno prive di barriere architettoniche.

Nelle immediate vicinanze della nuova stazione sarà realizzato un parcheggio con 35 posti ed a nord altri 20 posti per auto ed autobus che saranno collegati al centro del paese grazie ad un nuovo sottopasso pedonale.

All'entrata in servizio di Rock e Pop mancano:
Giorni
Ore
Minuti
Secondi

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Dal nostro YouTube

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia