"Il Senato ha approvato oggi, in via definitiva, il disegno di legge che consente l'istituzione di ferrovie turistiche mediante il reimpiego di linee in disuso o in corso di dismissione situate in aree di particolare pregio naturalistico o archeologico. Si tratta di un provvedimento assai importante che giunge al termine di un percorso legislativo nel quale la Calabria ha svolto un ruolo da protagonista". Lo afferma, in una nota, la deputata del PD Enza Bruno Bossio.

Nella fattispecie, è previsto un elenco di 18 linee ferroviarie turistiche che possono essere subito classificate come tali mediante decreto del ministro delle Infrastrutture e dei trasporti.

Ecco l'elenco:

Sulmona-Castel di Sangro; Cosenza-San Giovanni in Fiore; Avellino-Lioni-Rocchetta Sant’Antonio; Sacile-Gemona; Palazzolo-Paratico; Castel di Sangro-Carpinone; Ceva-Ormea; Mandas-Arbatax; Isili-Sorgono; Sassari-Palau Marina; Macomer-Bosa; Alcantara-Randazzo; Castelvetrano-Porto Palo di Menfi; Agrigento Bassa-Porto Empedocle; Noto-Pachino; Asciano-Monte Antico; Civitavecchia-Capranica-Orte; Fano-Urbino.

Approfondimenti

Ferroviaggi

La ferrovia che scompare

Correva l'anno

Dal nostro YouTube

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia

Seguici su Facebook